mercoledì 30 novembre 2011

RECENSIONE "THE FAITH OF GRAFFITI" di Norman Mailer e Jon Naar


Volete farvi un’idea di com’erano i pezzi e le tag sui muri, sui treni, sulla metro, sui cancelli, sui furgoni, sull’asfalto, sulle cabine… nei primi anni 70? The faith of graffiti è quello che fa per voi. Dopo una buona introduzione dello scrittore Norman Mailer (in inglese tradotta anche in francese) il libro tramite le foto di Jon Naar, (quasi tutte in formato A3) mostra le radici del writing a New York. The faith of graffiti è uscito nel 73’ e fu esaurito a tempo di record per poi diventare praticamente introvabile, grazie a questa nuova edizione uscita nel 2009 abbiamo la possibilità di sfogliare questo libro leggendario.
Da non perdere!






RECENSIONE "HIP HOP FILES" di Martha Cooper

Hip Hop Files è la storia della cultura HipHop negl’anni che ne hanno forgiato l’identità collettiva (dal 1979 al 1984) raccontata attraverso le foto uniche della celebre fotografa Martha Cooper che con una qualità eccezionale ha saputo immortalare i fatti ma soprattutto lo spirito e l’energia creativa di quegl’anni. 240 pagine completate dai racconti e dalle riflessioni di tanti grandi nomi quali Dondi, Blade, Duro, Seen, Doze, Kase2, Lee, Ken Swift, Joe-Joe, Frosty Freeze, Grandmaster Caz, Fab 5 Freddy, Rammelzee e tanti altri! Molto interessanti anche i focus sulla realizzazione dei documentari e dei film classici come Style Wars, Wild Style, Beat Street e l’analisi sul concetto di stile e originalità che avevano in quel periodo. Questo libro è un’opportunità unica di “vedere” le situazioni della old school, un’opera che non può mancare a tutti gli amanti della cultura HipHop!
In inglese.






"Marty truly understood us and she knew how important it was to document the movement.
It was the beginning of what turned out to be Hip Hop!"   Duro

lunedì 28 novembre 2011

Meeting of Styles Mestre Italy



La settimana scorsa siamo andati a Mestre per il Meeting of Styles e come ogni anno c'erano un sacco di bravi writers e un sacco di pezzi da paura ma come ogni anno ho visto che a partacipare a questo evento erano solo i writer stessi e poche altre persone.
 Siamo un un pò tristi per questo fatto perchè dovremmo essere i primi a supportare questi eventi e con NOI intendo tutti gl Hiphoppas e non solo i writers.
Siamo sempre a lamentarci perchè ci sono pochi eventi e poche persone che partecipano agli stessi, ma se non siamo Noi in prima persona a muoverci e non supportiamo il movimento poi dobbiamo solo che rimanere zitti e finire di lamentarci.
Se fossimo dei veri Hiphoppas, dovremmo supportare questi eventi ed essere uniti come una grande famiglia per mantenere uniti tutti gli elementi di questa cultura, basta lamentarsi e l'ora di fare qualcosa per migliorare questa situazione.

QUI IL LINK CON TUTTE LE FOTO DEL MEETING ALCUNI PEZZI PURTROPPO NON ERANO ANCORA FINITI!

http://www.facebook.com/media/set/?set=a.206915609386950.51535.100002055388636&type=3&saved


Last week We went to Mestre fot The Meeting Of Styles, Like every years There were a lot of good writers and a lot of dope pieces but like every years. We saw only writers and few people, We are sad for this because We have to support event like this and with We, We intend all the HipHoppas Not only the Writers.
Every time people complain because there are few events and few people to, but if We in first person don't go to the events and don't support the movement, We must stay shut up.
And if We are very Hiphoppas We should support these kind of events and will be all united as one big family and mantain united all the elements of this culture, not complain but do something for improve this situation.
Peace
2phe

HERE THE LINK WITH ALL THE PHOTOS OF THE MEETING, SOME PIECES UNFURTUNATLY DOESN'T FINISHED YET

http://www.facebook.com/media/set/?set=a.206915609386950.51535.100002055388636&type=3&saved

mercoledì 23 novembre 2011

Recensione "ALL CITY WRITERS" di Andrea Caputo


Una straordinaria raccolta di interviste fatte tutte personalmente dall’autore Andrea Caputo in anni di lavoro. 410 pagine, 1250 immagini e 620 articoli su 250 artisti nelle capitali del writing. Partendo dalle origini nel Bronx questo capolavoro attraversa l’Europa e in particolare l’Italia, raccontata in tutte le sue città principali dalle parole degli stessi writers che ne formavano la scena fino alla fine degli anni 90’. Strutturato come un quotidiano questo libro è sicuramente uno dei più completi ed interessanti per chi vuole immergersi nelle situazioni e nella mentalità di quegl’anni, il tutto è descritto anche attraverso mappe, bozze, un sacco di foto anche inedite di muri, treni, metro, hall of fame, hang-out storici, insomma un vero libro all city! Consigliatissimo!



mercoledì 16 novembre 2011

Traduzione per il progetto Galaxy Dance Project Uganda

Galaxy Dance Project Uganda (G.D.P.U.) è un progetto basato sul lavoro con e per i giovani ragazzi Ugandesi che provengono da comunità differenti e da diversi background; 
Questo progetto dedica un'attenzione particolare ai ragazzi svantaggiati con l'obbiettivo di dare loro speranze e opportunità.
G.D.P.U. ha cominciato a muovere i suoi primi passi nel novembre del 2008 usando la break dance e gli altri elementi della cultura Hip Hop come strumenti per stimolare l'impegno e l' attività dei giovani all'interno delle loro comunità, promuovendo l'unione fra le stesse.
Il progetto è aperto a qualsiasi persona, offre lezioni di break dance gratuite  dalle 16:00-19:00 al sabato e alla domenica di ogni settimana al G.D.P.U. Training center (AYA) Kawempe.
Altre attività includono performance,lo sviluppo dei ragazzi attraverso workshop,comunità outreach.

I nostri obbiettivi sono:
    ▪    Arrivare a diversi giovani di diverse comunità e in particolare nelle comunità povere come nelle strade,nei ghetti,negli slums,nei centri per gli orfani,le scuole,i centri giovanili,tutto questo per condividere ed aiutare questi ragazzi a sviluppare ed ampliare le loro idee attraverso la danza e l'insegnamento dell'inglese.
    ▪    Creare posti di lavoro per le persone che vogliono fare carriera con la danza, ma non possono pagarsi le lezioni di danza nelle scuole.
    ▪    Promuovere l'interazione fra ballerini locali e internazionali
    ▪    Risolvere problemi tribali, religiosi e razzisti presenti in Uganda

Per maggiori informazioni e per prenotare le prestazioni o i workshop dei nostri ballerini contattaci su org.galaxydanceprojectuganda@yahoo.com, bboyphyq91@gmail.com

Per supportare il lavoro di G.D.P.U. ci trovi su:
Facebook:Galaxy Dance Project Uganda
www.galaxydanceproject.tumblr.com
www.youtube.com/galaxydanceproject
www.galaxydanceproject.webs.com

Galaxy Dance Project Uganda (G.D.P.U) is a youth centered project that works with young people of different communities and backgrounds in Uganda with a particular focus on those who are Disadvantaged to give them hope and Opportunities. It was started in November 2008 and it uses Breakdance and other Elements of Hip Hop culture as a tool to engage and unite young people to become active in their communities. The project is open to everyone and offers free Breakdance classes for every week on Saturday and Sunday in Kawempe, G.D.P.U Training Center (AYA) at 4:00pm-7:00pm. Other activities include Performances, youth development workshops, Community Outreach.

Our Aims
Reaching out to different youths in different communities to share different ideas mostly in poor communities like Streets, Ghettos, Slums, Orphanage centers, schools, Youth centers and develop the youth's ideas through dancing and English teaching.
Creating employment for people who want to dance as a career, but can't afford to pay for dance classes.
Promoting interaction between local & international dancers.
.Resolving tribal, religious & racial conflicts in Uganda.

For more information and to book dancers for performances, workshops contact us on org.galaxydanceprojectuganda@yahoo.com, bboyphyq91@gmail.com

To support the work of G.D.P.U find us on:
Facebook: Galaxy Dance Project Uganda
http://galaxydanceproject.tumblr.com/
http://www.youtube.com/galaxydanceproject
http://www.galaxydanceproject.webs.com/
http://galaxydanceprojectuganda.blogspot.com/



Alcuni video del progetto: http://www.youtube.com/watch?v=joCc_QgAJuM&feature=player_embedded
                                        http://www.youtube.com/watch?v=K4oih5326wM&feature=player_embedded#!

 E il nostro lavoro per cercare di supportare questo progetto attraverso le discipline della cultura HipHop, in questo caso il Writing/Graffiti Art





Traduzione flayer Breakdance Project Uganda

Breakdance project Uganda è un progetto che aiuta i ragazzi di diverse città dell'Uganda attraverso la brekdance e le altre discipline della cultura HipHop,noi cerchiamo di supportare il progetto qui in Italia e per farlo conoscere il più possibile abbiamo tradotto il loro flayer in Italiano.
                                                            http://www.bouncingcats.com/


Recensione "Style:Writing from the Underground"

Questo libro parla del writing attraverso la voce di alcuni dei primi writers, i quali hanno contribuito all'evoluzione di questa disciplina grazie alla continua ricerca ed il continuo miglioramento apportato al loro lettering e di conseguenza al loro stile.
I commenti sono molto diretti e taglienti e rappresentano la vera natura del Writing  e dei suoi pionieri un'espressione diretta di se stessi e del proprio stato d'animo attraverso quest'arte. Tra l'altro è uno dei pochi libri tradotti in italiano.

Adesso alcune parti tratte dal testo originale.


"STYLE: WRITING FROM THE UNDERGROUNDS" 


Il materiale fotografico qui presentato è costituito da vere e proprie foto d'epoca, in molti casi unica documentazione esistente. Queste foto furono scattate dai writer stessi.

Hopped on the railroad played the conductor everywhere i went i always tucked a marker in my jacket tagged it where i went cuz we're just the products of the environment. (mc search)

Se vuoi parlare delle fondamenta di base, devi parlare di firme. Son state le firme ad introdurre i writers alla pratica di elaborare le lettere, e bisogna tenerlo sempre presente.(phase too)

Per prima cosa non si chiamano nemmeno graffiti,si dice writing. Graffiti è un termine sociologico che si è iniziato ad usare nei confronti della cultura durante gli anni 70'. iz the wiz

Furono i media i primi a usare la parola graffiti,un termine che si legò poi alla cultura come un'appropriazione indebita del fenomeno, volta a stigmatizzarlo come un abominio nel dibattito che aveva suscitato davanti all'opinione pubblica.

I writer concordano senza dubbio che essere un vero writer (nonchè essere onesto verso la propria cultura)comporta un atteggiamento spirituale (soul) e una devozione che non possono essere sostituiti da nessuna mole di lavoro.

Di rado si considera il fatto che la vita di un writer non è limitata alla bomboletta spray,ma coincide con le condizioni politiche e l'atmosfera della propria epoca.Si tratta di risposte all'ambiente circostante e allo stato di cose in generale.

Una cosa che mi fa veramente andar fuori è sentire ragazzi in giro per il mondo che si fanno i viaggi e pensano di aver inventato qualcosa. Cercano di ignorare i padri fondatori, capisci?Ma non ha alcuna importanza se oggi guardano quello foto e dicono che sono marce,tipo,"oh,potresti farlo a occchi chiusi, lo potresti fare senza nessuna difficoltà", perchè senza quello che è stato fatto 25 anni fa, per quanto ai nostri occhi possa sembrare roba semplice, oggi non sarebbero dietro far proprio nulla.(vulcan)

Per quanto ne so fu a Brooklyn che iniziarono le crew. (phase)

Al pari dell'orgoglio e dell'alta considerazione che si nutrivano per la propria cultura tradizionale, così fra i writer il rispetto per il nome era una legge non scritta ma cruciale. Il nome personifica la tua esistenza e mancargli di rispetto era come un'aggressione alla tua integrità fisica.

Una volta entratoci sul serio, diventava in qualche modo una parte integrante di te,una seconda natura.(phase)

Stanno cercando di mettersi al posto della gente che ha scavato le fondamenta,quando non hanno nemmeno versato l'acqua per il cemento.C'è gente che ha fatto quelle cose e non è nemmeno più qui per raccontarlo. La gente dovrebbe stare al proprio posto e smetterla di attribuirsi meriti che non gli appartengono. (lee 163d!)

Le possibilità tecniche della bomboletta sono diventate di dominio pubblico solo negli anni'80. Devi tener presente che i writer, nei primi anni '70, non avevano niente a cui riferirsi. Fcevano pezzi e stili tirandoli fuori dalla propria testa. Dunque ci è voluta circa una decina di anni per sviluppare le tecniche che si usano ora. (vulcan)

L'idea iniziale delle lettere wild risale al 1973, non appena le lettere Softie leggibile(o"bubble") iniziarono ad allungarsi,fare giri,contorcersi, separarsi e ornarsi di frecce che spuntavano dalle estremità e dalle altre parti di cui erano formate le lettere. La loro adozione, come era successo con i pezzi,cambiò ancora il corso del writing.

Quello che spero un giorno è di riuscire veramente ad acciufarli tutti, gente come Palo, Bot 707, Nic 707, Jinx II, a.c. kool, Take 5,Padre,Chain 3 , Derby I,Spec II,gente del genere. Writers citati di rado che hanno preso certi ingredienti e gli hanno dato una forma,per mantenere lo stile a un certo livello.La gente di cui non senti mai parlare.Allora si potrebbe scrivere definitivamente la storia,parlare per giorni ed elaborare materiale mai toccato prima.(Phase)

Molti writer continuano a fare pezzi con lo stesso tipo di stile,le stesse cose fondamentali. Poi moltissimi dei nuovi prendono lo stile dai maestri,lo riproducono e lo chiamano loro. Ma un vero writer distingue uno stile ricreato da uno originale. (spon)

L'obbiettivo. Qualità invece che quantità. Ecco un aspetto tipico dello stylist,la cui scelta di inseguire il pezzo definitivo gli dà la soddisfazione più grande. Il tempo non ha nessuna importanza per lo stylist,che vuole solamente vedere le sue idee trasformate in realtà.

Sarebbe piuttosto interessante mettere in relazione la filosofia di una persona con le direzioni in cui decide di portare le sue lettere, e gli esiti sono sicuramente stupefacenti una volta che li hai davanti.

Non importa se dipingevi negli anni 60', 70', '80 o '90, di base è sempre la stessa storia. Si tratta di individui che si esprimono,non solo che scrivono il proprio nome. Una persona che non sa nulla di questa cultura, troverà difficile capirlo.Vedrà le cose alla maniera in cui i mezzi di comunicazione le hanno fatte apparire sin dall'inizio. (coco 144)

Poca gente si rende conto che gran parte delle cose che vedono e sentono non sono vere. Ma una volta che una cosa viene scritta  o pubblicizzata diventa vera, che si tratti o meno di stronzate; è esattamente quello che è succeso. Molte delle cose che son state scritte su questa forma d'arte sono gran cazzate!
Le gallerie hanno un ruolo importante su quello che viene presentato al pubblico, ma non si tratta di ciò che facciamo.Quello che mettono in mostra non è mai la roba vera, hardcore, la roba mega che manda fuori  di testa i writer.Quello che vogliono per le loro mostre di solito è la roba più blanda,piatta e asciutta, ecco quello che vede la gran parte della gente. Dimenticati di Warhol,Johns e Pollock.Fanculo!.Non guardavi i loro lavori quando facevi i treni, quindi fanculo a tutti!!! Non puoi avere paura di dipingere quel cazzo che vuoi dipingere. La gente avrebbe bisogno di guardare un pò con i nostri occhi,dalla giusta prospettiva. Troppi di noi lasciano che qualcun altro abbia il controllo di quello che dovremmo controllare noi.L'espressione di se stessi. (Vulcan)



Tecnicamente, la parola arte definisce qualsisi cosa sulla faccia della terra e anche oltre, ma i writer che hanno a che fare con il suo mondo continuano a domandarsi se siano artisti o no.Come se importasse veramente.Ho letto informazioni del tipo:"Ora è un artista serio (dato che non dipinge più)."Perchè? Perchè sei diventato commerciale o fai i soldi? Se sei un writer e anche per un solo secondo sei così stupido da pensare che la categoria di "arte" o "artista" hanno più onore,prestigio e validità di quelle di writer e writing,mi fai pena.Hai sicuramente bisogno di una lobotomia frontale. Se indugi in un'ideologia così insidiosa, non è sicuramente possibile che tu conosca o rispetti quello che fai.Il writing ha radici profonde e una lunga tradizione......Sono due gli elementi che fanno questa cultura quello che è.Il writer e il writing. Una volta che te ne allontani,fino a qualcosa di completamente diverso, ciò dovrebbe essere inquadrato nella sua prospettiva,perchè rappresentarlo come writing è una falsità.(phase)

Lo stile è sempre stato l'impronta digitale del writer. Alcuni writer hanno stili così complicati da essere "illeggibili",ma a questo punto non ha importanza quale sia il nome perchè lo stile del pezzo ti dice chi lo ha creato...(daze)

Non riesco a tornare a lettere più semplici. Faccio wilde style,più è selvaggio meglio è. Più è complicato più mi affascina,voglio che nemmeno gli altri writer riescano a leggerlo (d.c.3)


Fermarsi a uno stile solo è troppo facile. Come andare da nessuna parte. Ti devi sempre costrire le cose.Ecco in cosa consiste lo stile. (dome)

Cerco di dipingere alla stessa maniera in cui Michael Jordan gioca a basket,come Mike Tyson tira giù i pugili. Ecco la maniera in cui faccio i pezzi e non me ne fotte niente se riesco a farci mille lire o meno. (vulcan)

Si tratta di far parte di una lunga tradizione, sapere quello che rappresenta.Essere in contatto con la sua anatomia e anima profonda  significa  più che rendere omaggio a un passato, che in ogni caso ne è più che meritevole. Esisti per il fatto stesso della sua esistenza. Senza le sue fasi iniziali e tutto ciò che le ha seguite, nessuno degli aspiranti writer negli ultimi 25 anni starebbe dipingendo a un livello anche lontanamente paragonabile a quello presente.Dipingere le firme non era la vera anima del writing.L'anima del writing erano i sui writers ed è stata la loro anima a dargli forza, energia, potere che dura nel tempo e lo stile che ne è veramnete l'essenza. I writer sono stati la scintilla dell'incendio.Il writing senza il suo corpo di mentalità, sfida e furia sarebbe solo un vegetale, privo di movimento, cuore e anima.Uno scopo privo di sostanza e una vera e propria affermazione priva di senso...

Un libro molto bello,sicuramente da avere!

Recensione "Can't Stop Won't Stop" di Jeff Chang


Questo libro racconta molto bene la situazione del Bronx negli anni 70, la formazione e la distribuzione delle gangs nel territorio, spiegando bene il contesto politico e sociale da cui è nata la situazione ideale che ha fatto fiorire la cultura HipHop. ll libro parte dalle situazione di Kingston in Jamaica e dalle influenze che hanno portato Dj Kool Herc ad esportare nel Bronx la figura del Dj e a sperimentare il nuovo sound da cui sarebbe poi nato il concetto di Break. Tra l'altro è forse l'unico libro a risalire agli albori di questa cultura,proseguendo poi nella narrazione attraverso le situazioni più significative fino ai nostri giorni, raccontate in prima persona dai protagonisti e tenendo sempre un occhio di riguardo al contesto politico sociale.
Secondo noi questo aspetto è motlo importante per capire bene le dinamiche e le situazioni che hanno portato alla consapevolezza nelle persone di poter cambiare in positivo e quindi all'introduzione di certi valori presenti anche nella filosofia della cultura HipHop.

Adesso alcune alcune parti tratte direttamente dal libro.

" CAN'T STOP WON'T STOP". JEFF CHANG


Trattato di pace fra le gang del Bronx
Siamo tutti fratelli che vivono negli stessi quartieri e hanno gli stessi problemi. E sappiamo che combatterci tra noi non risolverà i nostri problemi comuni.Se vogliamo fare della nostre comunità un posto migliore per le nostre famiglie e per noi stessi dobbiamo collaborare. Noi che abbiamo firmato questo trattato di pace promettiamo la pace e l'unità per tutti. Tutti noi che abbiamo firmato questo trattato di pace d'ora in poi saremo noti come la Famiglia.
I termini della pace sono i seguenti:
Tutti i gruppi devono rispettare gli altri, anche i singoli membrie le donne.


Ogni gruppo della Famiglia potrà indossare i suoi colori nei territori degli altri gruppi senza essere disturbato. Devono ricordare in quale territorio si muovono e rispettarlo come fosse il loro.Se un gruppo ha un problema con un latro i presidenti di ciascuno s'incontreranno per parlarne. Se un membro di un gruppo ha un dissapore con il membro di un altro , i due ne devono discuteree se non lo risolvono si batteranno da uomo a uomo, dopo di che la questione sarà considerata risolta. Se si spargerà la voce di problemi tra un gruppo e un altro, i loro capi s'incontreranno per parlarne. Per i gruppi esclusi dal trattato di pace i presidenti della Famiglia s'incontreranno con il tal gruppo per spiegare i termini del trattato. Il gruppo potrà affiliarsi sciogliersi essere sciolto.I presidenti della Famiglia s'incontreranno di tanto in tanto per discutere i problemi dei gruppi.Questa è la pace che giuriamo di mantenere.




In occasione degli Source Music Awards nel 1995.
Dj Kool Herc:
Voglio ringraziare il Signore per essere qui,vivo,pulito da droghe,per poter vedere questo giorno... Lasciatemi mettere le cose in chiaro,dopo 29 anni. Sono stato accoltellato, sono stato quasi ammazzato ad una festa, però non ho mollato perchè i giovani si stavano divertendo. Mi chiedevano:"Herc, quand'è la prossima festa?" e questo mi ha fatto andare avanti.
 1520 di  Sedgwick Avenue





C'era mia sorellaalle mie spalle. Nel bronx, ragazzi, proprio nel Bronx è cominciata. Poi è diventata una roba planetaria. E noi diamo una cultura ai ragazzi. E' saltato fuori questo...perchè i ragazzi potevano fare altro,ma adesso la gente sta bene, ha un buon lavoro, un reddito...
Ci sarebbero tanti eroi che stasera non possono essere qui, che sono morti per questa cosa. Non ha senso ammazzarsi per questa musica.Dobbiamo amarci per questa musica,amici. Perchè voglio dirvi una cosa. Allora le gang ammazzavano,al Puzzle, al Tunnel, e sono io che ho cominciato la storia, e tutto quello che chiedevo era rispetto....non diventare grosso,non me ne sono mai servito contro nessuno.
Davo rispetto per ottenere rispetto ed è così che continuo a sentirmi vivo.






Discorso Farrakhan alla million man march


Per favore, ripetete con me: io, e dite il Vostro nome,prometto che da oggi farò di tutto per amare il mio fratello come me stesso. Io, e dite il Vostro nome ,da oggi farò il possibile per migliorarmi spiritualmente,moralmente,mentalmente ,socialmente,politicamente ed economicamente per bene mio,della mia famiglia e della mia gente.
Io e dite il vostro nome,prometto che farò il possibile per costruire imprese,case,ospedali,fabbriche e per entrare nel commercio internazionale per il bene mio,della mia famiglia e della mia gente.Io, e dite il vostro nome, prometto che da oggi non alzerò mai la mia mano armata di coltello o pistola per picchiare,ferire o sparare a qualsiasi membro della mia famiglia o a qualsiasi essere umano, se non per legittima difesa.
Io. e dite il vostro nome, prometto che da oggi non maltratterò mia moglie picchiandola,mancandole di rispetto,perchè lei è la madre dei miei figli e la fattrice del mio futuro. Io, e dite il vostro nome, prometto che da oggi non abuserò dei bambini o delle bambine per la gratificazione sessuale,ma li lascerò crescere in pace perchè diventino forti uomini e donne per il futuro del nostro popolo. Io, e dite il vostro nome,non userò mai la parola che incomincia per t per definire mia moglie,ma soprattutto le mie sorelle nere.

Io , e dite il vostro nome,prometto che da oggi non avvelenerò più il mio corpo con droghe o sostanze dannose per la mia salute o per il mio benessere. Io , e dite il vostro nome, prometto che da oggi sosterrò i giornali neri,la radio nera,la televisione nera. Sosterrò gli artisti neri che si coreggeranno per dimostrare rispetto per se stessi e per la loro gente, e rispetto per le orecchie della famiglia umana.
Io, e dite il vostro nome, farò tutto ciò, e che dio mi aiuti.


Questa dichiarazione è stata fatta in un momento dove le uccisioni dovute allo scontro fra gang erano all'ordine del giorno, e ci serve per capire l influenza che ha avuto su molti artisti il discorso di questa famosa figura politica americana.






Questo libro è scritto molto bene è da una corretta visione della cultura HipHop,ma soprattutto lo tratta da tutti i punti di vista,storico,culturale,sociale,politico e ambientale.



















mercoledì 9 novembre 2011

Jam:In tributo ai pionieri della cultura HipHop 12/11/2011 Bassano del Grappa

IL 12 NOVEMBRE 2011 A BASSANO DEL GRAPPA, JAM:IN TRIBUTO AI PIONIERI DELLA CULTURA HIPHOP

 Novembre è il mese di apprezzamento dell'HipHop. Precisamente il 12 novembre 1973 è stata fondata da Afrika Bambaata l'UNIVERSAL ZULU NATION, e nello stesso giorno del 1974, la Cultura HipHop!
L'intenzione è quella di festeggiare questa data facendo una jam con writers, b.boys, b.girls e se possibile djs and mcs.

La jam si effettuerà nella nostra hall of fame in trinità.
Per chi non è di bassano, la via è via Santissima Trinità.

Il programma è:



Writing:
mattino e pomeriggio



B.boying/B.girling:
Dalle 13:00 alle 17:00 b.boying/b.girling cypher all'aperto vicino ai writers

Dalle 17:00 alle 19:30 ci spostiamo nell'auditorium vicino al bar, dove c'è la possibilità di continuare a ballare o fare una battle con giuria.

Nello spirito della giornata,ci si sfiderà solo per l'onore e per il rispetto come nel vero b.boying/b.girling delle radici, quindi non sono previsti premi in denaro.

Vi informiamo che, esclusivamente per l'affitto dell'auditorium, sarà richiesto un piccolo contributo di 2euro: più persone saremo e più il costo si abbasserà.



Alla fine del contest, chi vuole può venire a mangiare una pizza tutti assieme: chi è sicuro di venire scriva "io" sul post riguardante la pizza nella bacheca qui sotto.

Dopo la pizza, dalle 21:00 in poi,nello stesso auditorium verranno trasmessi i seguenti film: Beat Street e Wild Style. Una possibilità per tutti di vedere o rivedere due classici film sull'HipHop.

IMPORTANTE SARA' EFFETTUATA UNA RACCOLTA FONDI A OFFERTA LIBERA ORGANIZZATA PER AIUTARE 2 PIONIERI DI QUESTA CULTURA CON PROBLEMI DI SALUTE: KOOL DJ HERC E ERNIE PANICCIOLI, PER AIUTARE L'OMEGA ZULU MAASAI IN QUESTO PROGETTO. (http://djkoolherc.com/ ---  http://erniepaniccioli.chipin.com/ernie-paniccioli)



Un'intera giornata all'insegna dell'HipHop, sperando che sia bella in tutti i sensi. In caso di pioggia, si farà tutto tranne il cypher all'aperto. Peace!
Organizzata da Positive Project from Heart Effect crew
Keibi, Oist mc, Zero, Mr. Nilson, Vetus La Rock, Metr mc, Smogone.

2PHE dipinge in accordo con il comune di Romano d'Ezzelino il muro del parcheggio comunale

Il nostro obiettivo è quello di far conoscere e comprendere la cultura HipHop e la sua filosofia che viene molto spesso screditata e travisata per via dell'ignoranza. Questo vale soprattutto per la disciplina del writing che viene vista come vandalismo dalla maggior parte delle persone a volte anche giustamente per via dell'ignoranza di certi vandali che imbrattano centri storici o monumenti che hanno valore storico.
Il nostro obiettivo è di lavorare in collaborazione con i comuni per ottenere il permesso di utilizzare spazi in modo legale in maniera da dimostrare alle persone che le discipline dell'HipHop (in questo caso il Writing) sono arti che permettono l'espressione personale  e possono veicolare messaggi positivi. Ringraziamo il comune di Romano d'Ezzelino e l'ass. Filiaci per lo spazio concessoci.

Questo è il risultato a lavoro finito.

Inseriamo qui i link degli articoli scritti a riguardo dal Giornale di Vicenza e dal Gazzettino. http://www.ilgiornaledivicenza.it/stories/Bassano/273607__il_comune_assolda_i_writer_per_decorare_il_parcheggio/
video

Traduzione in Italiano della dichiarazione di pace dell'Hip Hop

La dichiarazione di pace dell'hip hop è stata presentata all'organizzazione delle Nazioni Unite il 16 maggio 2001.
Ed è stata firmata (o riconosciuta) da diverse organizzazioni come: Temple of Hip Hop, Ribbons International, UNESCO e anche da 300 attivisti Hip Hop, pionieri (creatori) e (un) delegati.

In primo luogo questo documento riconosce l'Hip Hop come una cultura internazionale dedicata (con l'obbiettivo di diffondere) alla pace e la prosperità (di essa).
 (Questa dichiarazione) E' anche un'insieme di principi i quali consigliano a tutti gli Hip.Hoppers come mantenere (sostenere) un atteggiamento (di carattere) positivo ,sereno della cultura Hip Hop e (un'insieme di principi) per formare la pace nel mondo.

Inoltre la dichiarazione ha il proposito di dimostrare che l'Hip Hop è un fenomeno positivo e non ha niente in comune con le immagini negative dell'Hip Hop (che cerca di)per (come) corrompere i giovani (i ragazzi) e incoraggiarli  a infrangere la legge. KRS one, Pop Master Fabel, Afrika Bambaataa, Ralph Mc Daniels e HarryAllen sono solo alcune delle persone che hanno partecipato alla  creazione della dichiarazione.

The Hip Hop Declaretion Of Peace

Questa dichiarazione di pace dell'Hip Hop guida la cultura Hip Hop verso la liberazione della violenza, e stabilisce  consigli e protezione per l'esistenza e la diffusione della comunità internazionale dell'Hip Hop. Attraverso i principi della dichiarazione di pace  dell'Hip Hop, noi ,la cultura Hip Hop, stabilisce le fondamenta (basi) per la salute , l'amore,la consapevolezza,, la ricchezza, la pace e la prosperità per noi stessi, i nostri bambini (figli) e hai figli dei loro figli per sempre.

Lo proponiamo per il chiarimento del significato dell'hip hop, o nel momento in cui viene messa in discussione l'intenzione (dell')HipHop,
o quando ci sono dispute fra parti derivate dalla concezione dell'Hip Hop ; gli Hiphoppas dovrebbero (devono) avere accesso ai consigli di questo documento, La dichiarazione di Pace dell'Hip Hop, (va vista) come guida,consiglio e protezione.

Primo Pincipio

HipHop (Hip'Hop) è un termine che descrive la nostra indipendente conoscenza collettiva,sempre in crescita,che è comunemente espressa attraverso i suoi elementi Breakin,Emceein,Graffiti Art,Deejayin,Beatboxin,Street Fashion (Moda di strada),Street Language (slang o lingua di strada), Street Knowledge (conoscenza della strada),Street Entrepreneurialism (imprenditorialità di strada). Ovunque e in qualsiasi momento  questi e i futuri elementi e espressioni saranno il manifesto della cultura HipHop; La dichiarazione di Pace dell'Hip Hop dovrebbe consigliare l'uso e l'interpretazione di questi elementi, delle espressioni e dello stile di vita.

Secondo Principio

La cultura HipHop rispetta la dignità e la santità della vita senza discriminazioni o pregiudizi. Gli Hiphoppas dovrebbero considerare accuratamente (completamente) la protezione e lo sviluppo della vita, al di sopra (oltre) e prima della decisione di distruggere o cercare di alterare il naturale sviluppo della stessa.

Terzo Principio

La cultura HipHop rispetta la legge in accordo (e la) con la propria cultura, il suo paese (stato), Le istituzioni e chiunque lavori per e in essi,l'HipHop non è irresponsabilità o infrangere la legge o gli impegni.

Quarto Principio

HipHop è un termine che descrive la nostra indipendente conoscenza collettiva, la conoscenza come stile di vita, riconoscere la nostra influenza nella società , specialmente sui bambini; e dovremmo sempre essere dalla parte della ragione e del benessere della nostra mente.La cultura HipHop incoraggia la femminilità, la virilità,la sorellanza,la fratellanza, la fanciullezza (l'infanzia) e la famiglia. Noi siamo consapevoli di non portare  intenzionalmente nessuna mancanza  di rispetto la quale metterebbe a repentaglio la dignità e la reputazione dei nostri bambini,anziani e antenati.

Quinto Principio

L'abilità di definire, difendere ed educare noi stessi è incoraggiata,sviluppata, preservata,protetta e promossa come mezzo verso la pace e la prosperità, e verso la protezione e lo sviluppo della nostra autostima. Attraverso la conoscenza (proposta) e lo sviluppo delle nostre capacità di apprendere naturali., Gli Hiphoppas sono incoraggiati ad esporre (presentare) sempre le loro migliori idee e i loro migliori lavori.

Sesto Principio

La cultura HipHop guarda i meriti (onori)  non le raccomandazioni (parentele),la persona, l'evento, atto che in altro modo promuove lo sviluppo della cultura HipHop., principi e elementi non sono considerati o rispettati.La cultura  HipHop non partecipa ad attività che chiaramente cercano di distruggere o alterare le abilità o la produttività già esistenti. Gli Hiphoppas sono incoraggiati a creare e a partecipare a oneste negoziazioni e transazioni in un commercio equo e solidale.

Settimo Principio

L'essenza dell'HipHop è al di là dell'intrattenimento: Gli elementi della cultura HipHop possono essere eseguiti (fatti) per soldi,per l'onore,per l'energia (la forza),per il rispetto,per il cibo, come (per il) rifugio, per informazione e altre risorse;Tuttavia,l' HipHop e la sua cultura non possono essere vendute, (l'HipHop) non è in vendita. (La cultura HipHop)Non può essere trasferita o cambiata da o per qualcuno per nessuna compensazione in nessun luogo e in nessun caso (nessun momento o tempo).L'HipHop è l'inestimabile principio del nostro potenziamento.L'HipHop non è un prodotto.

Ottavo Principio

Aziende,corporazioni, organizzazioni per scopo di lucro o no profit, così come gli individui e i gruppi che chiaramente ne ricevono i benefici dall'uso, dall'interpretazione o dallo sfruttamento del termine HipHop,(i.e. Hip Hop, Hip-Hop) e delle espressioni e le terminologie appartenenti all'HipHop, (i.e. Hip Hop, Hip-Hop) sono incoraggiate a essere autorizzate e o ad assumere a tempo pieno o part-time un professionista della cultura HipHop  per interpretare e rispondere a sensibili domande culturali riguardanti i principi e la corretta presentazione degli elementi e della cultura HipHop; relative al business,agli individui, alle organizzazioni, alla comunità, alla città, bene come negli altri stati.

Nono Principio

Il 3 maggio è il giorno della musica rap. Gli HipHoppas sono incoraggiati a dedicare il loro tempo e il loro talento all'auto sviluppo e al servizio delle proprie comunità. Ogni terza settimana del mese di maggio è la settimana dell'apprezzamento dell'HipHop. Durante questa settimana , gli Hiphoppas sono incoraggiati a onorare i propri antenati, a riflettere (sopra al)sul loro contributo  e all'apprezzamento degli elementi e dei principi della cultura HipHop. Novembre è il mese della storia dell'HipHop. Durante questo mese gli Hiphoppas sono incoraggiati a partecipare alla creazione, all'apprendimento,ed a onorare la storia dell'HipHop e gli storici contributori della cultura.

Decimo Principio

Gli Hiphoppas sono incoraggiati a costruire una significativa e durevole relazione che poggia sull'amore,sulla fiducia,sull'uguaglianza,e sul rispetto. Gli Hiphoppas sono incoraggiati a non imbrogliare,a non abusare e a non tradire i propri amici.

Undicesimo Principio

La comunità HipHop esiste come cultura internazionale basata sulla coscienza di tutte le razze,tribù,religioni e lo stile di comunicazione fondato dalle persone per comunicare le loro migliori idee e i loro migliori lavori. La cultura Hiphop è unita  da molteplici capacità, molteplici ambiti culturali, molteplici religioni (fedi), persone di varie razze impegnate a stabilire e a sviluppare la pace.

Dodicesimo Principio

La cultura HipHop non partecipa volontariamente o intenzionalmente a nessuna forma d'odio,inganno,pregiudizio o furto in nessun caso. La cultura HipHop non è mai autorizzata ad ingaggiare (per nessun motivo) violente guerre (con se stessa) (in se stessa).Le persone che violano intenzionalmente i principi della dichiarazione di pace dell'HipHop o rifiutano intenzionalmente i suoi consigli,perdono con le loro stesse azioni la protezione qui descritta.

Tredicesimo Principio

La cultura HipHop rifiuta l'impulso immaturo di azioni violente ingiustificate e cerca di essere sempre diplomatica, con strategie non violente nel trovare la soluzione alle dispute. Gli Hiphoppas sono incoraggiati a cercare la comprensione e il perdono prima di effettuare atti di vendetta (rappresaglia). La guerra è riservata come ultima soluzione quando c'è un evidente fallimento ripetuto di ogni negoziazione diplomatica.

Quattordicesimo Principio

Gli Hiphoppas sono incoraggiati ad eliminare la povertà, parlare contro le ingiustizie e formare una società più diligente (caritatevole)
 e in mondo più pacifico. La cultura HipHop supporta il dialogo e le azioni che servono per guarire le divisioni della società, indirizzando le preoccupazioni  della specie umana alla causa dell'avanzamento  della pace.

Quindicesimo Principio

Gli Hiphoppas rispettano ed imparano dalla natura,indipendentemente da dove essi si trovino in questo pianeta.La cultura HipHop ritiene sacro l'obbligo (compito) di contribuire alla nostra sopravvivenza come individui indipendenti, con il libero pensiero di essere in e dappertutto nell'universo. Questo pianeta che comunemente conosciamo come Terra è il nostro genitore che ci nutre e gli Hiphoppers sono incoraggiati a rispettare la natura e tutte le creature e gli abitanti della natura.

Sedicesimo Principio

I pionieri dell'Hiphop , le leggende, gli insegnanti, i più vecchi e glia antenati non dovrebbero essere citati se non accuratamente,travisati, o non rispettati in qualsiasi caso. nessuno dovrebbe professare di essere un pioniere  o una leggenda dell'HipHop se questo non può essere provato con i fatti o testimoniato dalla loro credibilità o contributo alla cultura HipHop.

Diciassettesimo Principio

Gli Hiphoppers sono incoraggiati a condividere le risorse (informazioni). Gli Hiphoppas dovrebbero dare queste gratuitamente tutte le volte che è possibile (il più possibile). Questo è il compito di ogni Hiphoppas ad assistere, in qualunque momento, nel sollievo delle sofferenze dell'uomo e nella correzione dell'ingiustizia. L'Hiphop deve mostrare il più alto rispetto  quando gli Hiphoppas mostrano reciproco rispetto. La cultura HipHop è preservata,nutrita,e sviluppata quando gli HipHoppas la preservano la nutrono e la sviluppano e la trasmettono ad un'altra persona.

Diciottesimo Principio

La cultura HipHop mantiene (preserva) il sano,la cura e il benessere,l'obbiettivo centrale dell'associazione  HipHop è pienamente consapevole della forza di promuovere,insegnare,interpretare modificare e difendere i principi di questa dichiarazione di pace dell'HipHop.

Lascia la Tua Firma

Firmando questo documento noi dichiariamo il nostro supporto e adesione all'unica e la sola, reale cultura HipHop la quale è basata sulle norme e valori presentati nella dichiarazione sopra scritta. Noi rifiutiamo anche l'immagine sbagliata dell'HipHop che spesso è correlata alla violenza e all'aggressione o che è falsamente creata e stereotipata e diffusa dai mass media e dal pseudo HipHop commerciale fatto dalle icone della cultura pop.

Questo documento presenta le intenzioni della cultura HipHop. Quando il buon nome della cultura HipHop verrà frainteso dalle azioni negative delle persone che identificano se stessi con l'Hip-Hop ma non obbediscono ai principi di questa dichiarazione., il documento include una lista di firme e dovrebbe essere spedito alle istituzioni governative e ai mass media.

Potete stare sicuri che i vostri dati personali a noi forniti saranno al sicuro e non saranno usati per fare proposte di marketing o pubblicamente rivelati.

ATTENZIONE:ricordiamo che solo la firma include il tuo nome,cognome,stato e città,che sono le uniche informazioni che formalmente contano e solo queste possono essere considerate nella preparazione della lista firme.

Le parole fra parentesi servono a chiarire i concetti,abbiamo cercato di tenerci il più vicino possibile al testo originale.

Traduzione a cura di: 2phe crew


domenica 6 novembre 2011

Descrizione obiettivi della nostra crew

Positive Project From Heart Effect (2phe crew) è una crew fondata il 20/08/2011 da:
Oist Mc, SmogOne, Zero1, Keibi, Vetus La Rock, Metr Mc, Mr.Nilson.

L'obbietivo della nostra crew è salvaguardare e diffondere la filosofia della cultura HipHop seguendo i principi dell'Universal Zulu Nation http://www.zulunation.com/  http://www.omegazulumaasai.com/ e della Dichiarazione di Pace dell'HipHop.

Lo facciamo attraverso la pratica di tutti gli elementi di questa cultura (B.Boying/B.Girling, Writing, Mcing, Djing, knowledge)cerchiamo di tramandare l'HipHop tramite conversazioni ragionamenti ed esempi in prima persona con tutti gli appartenenti e non appartenenti a questa cultura.
Attraverso l'organizzazione di eventi, lavorando con i comuni e le associazioni per promuovere la positività dell'HipHop.
Inoltre traduciamo documenti riguardanti la cultura HipHop e collaboriamo con progetti nazionali ed internazionali.

La 2phe crew è stata formata con lo scopo di cambiare la situazione stagnante nella nostra città e nelle nostre zone, presente soprattutto a livello di diffusione e pratica della vera filosofia HipHop. Vogliamo dare con umiltà l'esempio alle nuove leve.
La crew è formata da sette membri tutti con più di 10 anni di espeienza nella scena, i componenti erano in origine membri o fondatori di diverse crew presenti a Bassano del Grappa le quali hanno insegnato, diffuso e dato una spinta fondamentale per le nuove generazioni. Queste crew erano la 3cuori3pikke Crew da cui provengono Oist Mc, Keibi, Metr Mc, Mr.Nilson; Effetti Kollaterali Crew  da cui provengono SmogOne, Vetus La Rock; Penta Project Crew, crew di Napoli rappresentata qui a Bassano da Zero1.
Queste crew con il passare degli anni si sono sciolte sia per questioni lavorative, sia per questioni filosofiche riguardanti la cultura HipHop.
Dopo numerosi anni di esperienza ed i tanti passi in avanti a livello di consapevolezza e conoscenza della filosofia HipHop abbiamo formato questa crew che cerca di rappresentare il vero HipHop come testimoniato dal nome della stessa: Positive Project From Heart Effect Crew il quale è formato da una fusione dei nomi provenienti dalle nostre crews precedenti.
La 2phe Crew è aperta a tutte le persone della zona che hanno la voglia e la fotta di intraprendere lo stesso percorso dei fondatori e quindi abbracciare la cultura HipHop nel suo significato più profondo e personale.